ComidaDeMama

February 17th, 2006 by Elena

Castagnole della mia mamma

Mia mamma ha un ricettario che sembra un pozzo di San Patrizio, un fascicolo zeppo di fogli di diverse dimensioni, alcuni scritti a mano, altri stampati, a quadretti a righe, alcuni scritti sul retro di un cartoncino da lievito. Le ha trascritte tutte sul PC, ma se le deve cercare preferisce sempre pescare da questo posto e io la capisco bene, certe ricette si riconoscono in mezzo a mille fogli, magari per una macchia di margarina, o per il colore del foglio o dalla grafia di chi l’ha scritto. Non ci sono paragoni.
Ricetta pari pari copia incollata dalla email che mia mamma mi ha mandato tre minuti fa.
Chi le prova, certamente le rifarà perché, tra i dolci fritti, sono le più
gustose cotte in olio d

Comments

11 Responses to “Castagnole della mia mamma”
  1. Comida, grazie di cuore!!
    Ora mi devo dare da fare a provarle tutte per valutare la migliore da portare!!!!! :)
    Tra l’altro.. che nostalgia, i balconi dove si puo’ passare da una parte all’altra (vedi post precedente).. Anche a me ricordano l’infanzia.

  2. OT: scusa l’intrusione fuori tema, ma avrei bisogno d’aiuto per una traduzione che sto facendo. Tu per caso hai idea di che spezia sia quella raffigurata in questa pagina?
    http://www.rakuten.co.jp/kojuken/484837/484854/486029/#429857
    So di averla già vista, ma non ricordo se abbia un nome in italiano, o almeno in una lingua occidentale. In giapponese è hakkaku…

  3. oggi e’ il pomeriggio delle castagnole.
    anche io ho passato 30 min scartabellare una cartelletta piena di ritagli, fogli stampati al pc e pieni di macchie, e fogliettini scritti a mano per cercare la ricetta delle castagnole.
    ne faro’ solo mezza dose e meta’ le regalo alla vicina. :) :*!!

  4. stefi,quello è anice stellato

  5. chemcookit, scusa, ma non ho trovato nulla al forno, magari prova con le bugie della signora Clara, me fai un po’ al forno. Già, i ballatoi.
    pm10, cool! la tua vicina sarà felicissima

  6. allora, sfamata la famiglia posso finalmente rispondere a Stefy come si deve
    La spezia di cui vuoi sapere il nome in Italiano è l’anice stellato (Fructus Anisi stellati, nome botanico)
    http://www.uni-graz.at/~katzer/germ/generic_frame.html?Illi_ver.html
    Noterai il frutto ancora fresco nel centro del fiore del primo riquadro.
    In questo sito trovi il nome dell’anice stallato in molte lingue, comprese almeno quattro nomenclature in giapponese. E’ il mio traduttore simultaneo di erbe aromatiche, ti servirà magari anche per altre traduzioni.
    Ciao, comidademama

  7. Grazie, sei un tesoro! Sapevo di averlo chiesto alla persona giusta :-)

  8. Prego, Stefy, ho conosciuto una signora molto simpatica giapponese che parla un perfetto italiano e le ho segnalato il tuo weblog

  9. Le sto facendo stasera per i colleghi (ci sono grandi exploit culinari nel mio team attualmente, devo tenere il passo!).
    Pero’ la mamma non ha specificato che le dosi erano equine! ;-)

  10. Fatte. Non mi sembrano male, pero’ ho un dubbio sulla cottura: all’esterno devono restare morbide oppure é normale che siano un po’ croccanti? A me sono venute croccanti (all’esterno), ma non vorrei aver esagerato con la cottura…

  11. Carissima Comida,
    la sera in cui ho letto le ricette non ho potuto fare a meno di provare :) – e cosi’, ho provato la ricetta delle bugie della Signora Clara!!
    Sono venute buonissimissimissime. Devo dire, ho fatto una variazione, perche’ a causa della mia smania di provare, non ho aspettato di comprare il vino bianco, e cosi’ ho dovuto arraggiangiarmi. Ho deciso di mettere.. teniamoci forte.. whiskey (per il gusto alcolico) e un’arancia spremuta :)
    Devo dire, erano molto buone. Ne ho fatte una parte al forno. Si sentiva di piu’ il gusto dell’arancia, il che dava un buon tono, ma penso che se le rifaccio al forno, ne faro’ una parte con del burro nell’impasto, mancavano un po’ di ‘grasso’. Comunque, sto per produrre un post con foto di questo primo tentativo. :)

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes