ComidaDeMama

May 3rd, 2005 by Elena

Giornata uggiosa

Giornata uggiosa passata a pulire casa, Marta è tranquilla e io mi rallegro sentendo quell’elegantone di David Sylvian e Robert Fripp suonare insieme. Marta gradisce.

Comments

35 Responses to “Giornata uggiosa”
  1. Adesso dirai che me la tiro, ma lo sai che con Fripp ci ho fatto un corso di chitarra? Sette giorni chiuso in un seminario dell’Italia centrale con gente venuta da mezzo mondo: cucina macrobiotica, meditazione, esercizi di respirazione e di postura…era una roba quasi metafisica. Pero’ davvero interessante.

  2. Guarda, Emanuele, se proprio vuoi te lo dico io:
    te la tiri :)

  3. comidademama says

    Santa Clotilde, Emanuele, prima mi dici di Armando Corso, poi di Fripp e cucina macrobiotica.
    Ora voglio sentirti suonare, sono curiosissima.
    Ma non hai giocato a pallacanestro con John Lourie, vero? almeno quello, mi sa che non eri ancora nato quando Rob vide il grande evento a San pietro in Casale.

  4. Guarda, se i francesi continuano a darmi pacchi per le audizioni come adesso, mi sa che di suonare non se ne parla.
    Per inciso, io sto alla pallacanestro come Bishcardi alla lingua italiana.

  5. posso abbassare la tensione emotiva dichiarando che ho cantato nove anni con Ted Nylon? ;-)

  6. Guarda Emanuele ‘te la tiri’, ma lo dico solo perchè sto cuocendo dall’invidia :)
    Mi permetto di sottolineare che (secondo me) la frase più bella di questo post è: “Marta gradisce”.
    Dobbiamo farle frequentare di più le nostre donnine ;)

  7. io invece ho preso lezioni di postura da sylvian, ed ho ancora i cassetti pieni di camicie bianche e rossetti con texture effetto seta

  8. io ho invece frequentato, purtroppo, un corso di respirazione e postura con sylvian ed ho ancora i cassetti pieni di camicie bianche e rossetti rosa pallido texture seta

  9. oops, scusa il doppio commento con editing :-)
    Il disco di S/F è Damage o The First Day ? ( dei due a me piace più il primo )

  10. comidademama says

    emanuele accidenti a questi francesi !!
    rob ma come fai TU ad abbassare la tensione emotiva di alcunchi? :O) ted nylon è più o meno come John Lurie :O)
    silvio :O) come vanno le tonsille?
    milton: mi sa che ho anche io un rossetto come dici tu da qualche parte, tieni le camicie bianche, mi raccomando :O)
    l’album che sto ascoltando è “The First Day”

  11. Anch’io preferisco “Damage”, che se non sbaglio è il live: pero’ su the first day c’è l’ultima traccia “Jean the birdman” che adoro.
    Sulla cucina macrobiotica, ci tengo a precisare che, nel rispetto del regolamento del corso (che si chiama Guitar Craft e che si tiene un po’ dappertutto nel mondo), i cuochi erano i chitarristi dei livelli avanzati. Tutti americani.
    Mai mangiato cosi’ male in vita mia.

  12. comidademama says

    Ok, ok mi procuro “Damage”, ho capito.
    In più ora ascolto anche quel CD francese che mi hai regalato, che mi piace ogni giorno sempre di più
    Povero te, cucina macrobiotica cucinata dai chiatrristi americani. Peccato perchè è una cucina non male.

  13. Sono contento che Camille ti piaccia: se vuoi avere un’idea di come è in “live”, qui c’è un link ad una trasmissione di qualche giorno fa dove lei si è esibita:
    http://nino.nerim.net/20h10_bourges_camille.wmv

  14. ormai, con l’allure che circola sotto i tuoi post, mi faccio la doccia e mi sbarbo, prima di venire a commentare. Elena, ti sbagli: Ted Nylon è come tre John Lurie che si abbracciano. S/F è una nuova deviazione erotica, il Sado-fado, che consiste ne far ascoltare musica portoghese a gente legata e indifesa. I miei cassetti, ahime’, ho appena controllato, sono pieni, in questo momento, di Ham-ham Hamtaro. Difficili da indossare.

  15. comidademama says

    emanuele: il video è molto bello, i suoi vocalist mi ricordano un mix tra Trilok Gurtu, Prince e i Neri per caso. Scherzo, mi piace molto e in più trovo super il mega schermo che fa da quinta alla scena.
    BTW dopo avere ascoltato musica classica indiana Trilok Gurtu mi è più chiaro.
    rob:tre Lurie che si abbracciano, good one!! :O)
    Ham-ham Hamtaro è un criceto giapponese eh? ussignur!

  16. E ma come siete raffinati.
    Io invece sono andato per ben 3-4 mesi a lezione di chitarra dal maestroGilio (tutto attaccato) e venendo al lavoro sentivo Jovanotti cantare ‘La cattiva strada’ di de Andre’ con arrangiamenti reggae.
    Ciapa li’.

  17. comidademama says

    maestroGilio (tutto attaccato) quello che viveva sopra di noi vero? Beh tu suoni bene, in effetti, mon amour

  18. Si, qui si fa i fighi, ma intanto il solo che i dischi li ha fatti per davvero é Roberto: quindi, massimo rispetto a Ted Nylon.
    A proposito di fighetterie, riporto un aneddoto di qualche settimana fa: a due amici in visita ho messo nelle mani il LYLO, il giornale che riporta tutti i concerti in programma a Parigi. Nel frattempo mi sono messo a decantare le lodi dell’Olympia, la mitica sala concerti dove ha esordito gente come Hendrix, dove solo i migliori possono sperare di suonare, dove mettere i piedi sul palco é considerato un onore anche dai piu’ grandi….
    Al che uno dei due mi fa: “Oh, guarda, qui c’e’ scritto che domani all’Olympia suona Toto Cutugno”.
    Ed era vero.

  19. comidademama says

    Mamma mia, Toto Cutugno!!!
    Beh ha suonato anche Paolo Conte e lo zio di Carlo e Caterina, Gianmaria Testa.

  20. comidademama says

    Emanuele, organizziamo un concertone dei LMT all’Olympia? Dici che ci lasciano?

  21. Gianmaria Testa qui in Francia é stato definito come “Il miglior cantautore italiano attuale”: i biglietti dei suoi concerti vanno a ruba quasi come quelli di Conte. E se non sbaglio in Italia – per usare un francesismo – se lo cagano in cinque o sei.
    Guarda , dopo ‘sta cosa di Toto Cutugno, gli LMT li mandiamo minimo allo Stade de France.

  22. i gusti musicali dei francesi sono sempre un oggetto misterioso per me. Trovo la loro musica leggera tra le più impresentabili in assoluto. Quando, comunque, ho ascoltato g.m.testa mi è sembrato francamente imbarazzante, va bene adorare paolo conte ma fare lo stesso con i suoi cloni mi pare francamente troppo. Che testa sia idolatrato in francia si nota, comunque, dal look all-black che contraddistingue, appunto, quelli che se la fanno da quelle parti

  23. Per molto tempo ho visto G.M. Testa come un clone di Conte e Fossati. Gradevole, ma clone.
    Poi mi hanno regalato un suo disco recente (non chiedetemi il titolo) e mi sono parzialmente ricreduto. Non passera’ alla storia per la sua originalita’, ma fa piacere sentirlo.
    Diciamo che potrei anche pagare 40 euri per un concerto di Conte, che non ho mai visto, mentre per Testa mi fermerei a 15-20.

  24. @Marco. Ti farà piacere (ma forse) sapere che il 26 luglio all’Arena di Verona Paolo Conte terrà l’unico concerto estivo e i biglietti sono a 30/40 euro.
    Sappi però che posso farti delle ottime cover per chitarra al prezzo di… diciamo… 3 euro.
    Se invece Testa vuole che vada a sentirlo, mi deve dare qualcosa lui (ecchediamine!).

  25. beh mi viene una gran voglia di scrivere un post pieno di ricordi Contiani. Magari ci riesco… E comunque (detto con voce di celentano, sopracciglio alzato e dito puntato) ti faccio notare, Comida: basta che tu scrivi: “oggi è nuvoloso” che ti ritrovi sotto 24 commenti. Ti sembra normale? Io ti invito nuovamente a riflettere sui tuoi super-web-poteri… ;-)))

  26. comidademama says

    abbiamo qualche CD a casa Silvio, appena diventeremo vicini di casa te li presterò
    rob: valà super-poteri, è che qui si sta bene a ciaccolare, in italia avevo una marea di amici per casa che si ritrovavano a ciaccolare e qui si ritrovano altri nuovi amici in uno spazio che non è casa ma che sa un po’ di casa mia. Credo. Di certo qui non c’è tutto il disordine onnipresente in ogni luogo da me abitato, buon per voi. Oggi ho impegato una bella manciata di minuti a trovare gli occhiali. :O)

  27. R:ob, lascia perdere, che io mi spacco la schiena a fare post pensosi per quattro aficionados e poi arriva comida, dice ‘Beh’ e la acclamano le folle.
    E’ proprio vero che la Scienza non paga, e basta con questi soprusi e abbasso la cultura del futile (e anche il relativismo, visto che ci siamo) e non e’ piu’ come una volta e …
    (lo portano via)

  28. comidademama says

    … e non riesco nemmeno a fare una telefonata ai traduttori per un tuo importante documento, che disastro, scusa amore mio.

  29. (sono tra i quattro aficionados di Marco, ma non vorrei che si sapesse su questo blog futile futile)
    LOL !!

  30. comidademama says

    ehehehhehhehheheh LOL, caro Silvio

  31. ahhhhh… ma come sono fuori dal giro io!! Ora sto ascoltando “Nuovelle Vague” e mi CI piace molto, alla mia v.v. non piace molto l’ultima del cd (ndr too drunk too fuck) ma a me piace anche quella. Oh!

  32. comidademama says

    ciao bubi! secondo me li conosce bene Emanuele, baci alla v.v.

  33. Oui, biensur! E in piu’ colei che canta “too drunk too fuck” (secondo me uno dei pezzi migliori del disco) è proprio Camille, di cui si è parlato qualche commento piu’ indietro. Et voilà, il cerchio si chiude!

  34. anche se non sono un patito del genere, forse il brano si chiama “Too Drunk to Fuck”, il che lo rende forse più appetibile a palati meno licenziosi
    ( p.s.: ce la sto mettendo tutta per battere il record di commenti ad un post di comida, mi pare siamo a quota 34, speriamo che sopra i posts non aumentino troppo, nel frattempo )

  35. Yes, “Too drunk to fuck” dei Dead Kennedys: nella mia incommensurabile pigrizia , ho fatto copia-incolla da sotto. Pero’ come titolo alternativo non era male…;-)

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes