ComidaDeMama

November 11th, 2004 by Elena

Sint Maarten

stmartin_klein.JPG

Metto a dura prova la mia povera materia grigia leggendo preziose informazioni tratte dal sito del Meertens Instituut, istituto di ricerca e documentazione sulla lingua e cultura olandese.
Brevemente, prometto, due informazioni legate al Santo collegate strettamente alla festività olandese. San Martino nasce in Ungheria nel 316, adolescente viene introdotto a forza dalla famiglia, incurante della sua inclinazione verso la vita monacale cristiana, nelle milizie romane .
San Martino in breve tempo viene promosso al grado di circitor, i cui compiti erano l’ispezione dei posti di guardia e la ronda di notte.
Una di queste notti, ad Amiens, accadde uno degli aneddoti più noti, quello in cui San Martino, durante una ronda di notte regala parte del suo mantello a un povero infreddolito seduto sulla neve. Ho sempre pensato che questa vicenda si svolgesse di giorno, ma, a vedere la nutrita bbibliografia di supporto del documento che ho letto, potrei sbagliarmi.
Quindi l’undici di novembre nel Nord dell’Olanda in particolare i bambini si ritrovano per strada con delle lanterne in mano, a bussare alla porte chiedendo qualche dolcino, rievocando la ronda notturna del Santo
Il fattore atmosferico che, senza esclusione di colpi, trasforma l’Olanda in un Paese molto buio da novembre alla primavera, rende l’evento fattibile anche al bambino olandese medio, che va a dormire alle 19.30.
Questa una delle canzoni che vengono cantate per le strade.
Sint Maarten, Sint-Maarten
We zingen langs de deuren een lied
Doe open, anders hoor je het niet.
Leg alstublieft wat lekkers klaar,
Dank u wel, mevrouw,
tot volgend jaar!

Proseguo la lettura per capire che differenza corre tra il nord e il sud dell’Olanda in merito a questa festività.
Marta all’asilo ha costruito la sua lampada a forma di fantasma, molto bella e io ho comperato, a mò di supporto, una bacchetta di plastica dotata di filo e piccola lampadina.
Ha imparato questa canzone, sul tono di Twinkle twinkle little star, che è simile a “L’afabeto inglese”.
Dag mevrouw en dag meneer
Hé hallo daar ben ik weer
Met mijn mooie lampion
Van papier en van karton
Met een lichtije mooi is dat
Als ik zing dan krijg ik wat.

Buon San Martino!
L’altr’anno mia sorella era in Olanda e siamo andate in Broek in Waterland a tenere un pizza workshop per bambini.
** post preparato già tempo fa, non disperare, arriveranno tra poco IS MY BLOG BURNING.it#6-La comidademama- e il resoconto del bellissimo Convivio d’Autunno dell’Accademia Italiana di Cucina. Il my wise è tornato ieri sera, ma oggi già lavora.

Comments

9 Responses to “Sint Maarten”
  1. Prima o poi torno!! :))
    (speriamo prima, che poi)

  2. Ciao Elena, finalmente i commenti!
    Non tira una bella aria in Olanda in questi giorni vero? Vi pensiamo.

  3. Ciao Elena, finalmente i commenti!
    Non tira una bella aria in Olanda in questi giorni vero? Vi pensiamo.

  4. evvai bubi! vuoi che ti posti un post? scrivimi via email e io e lo pubblico sul tuo blog
    papino
    grazie per i pensieri, in effetti l’aria che tira non è delle migliori, qui.

  5. San Martino

    Come in Olanda, anche qui nel tardo pomeriggio hanno luogo le sfilate dei bambini con le lanterne. Di giorno però in centro è tutta una Guggenmusik.

  6. San Martin xe ‘nda in sofitta a incontrar ea so’ novissa…

    Mentre in Olanda San Martino è così, a Venezia è una specie di “Halloween”, coi bombi per strada a “bater”, ossìa a spaccare i timpani con pentole e coperchi, e a farsi dare caramelle, cantando le filastrocche del buon caval…

  7. San Martin xe ‘nda in sofitta a incontrar ea so’ novissa…

    Mentre in Olanda San Martino è così, a Venezia è una specie di “Halloween”, coi bombi per strada a “bater”, ossìa a spaccare i timpani con pentole e coperchi, e a farsi dare caramelle, cantando le filastrocche del buon caval…

  8. San Martino è sempre stato il mio santo preferito, da quando alle elementari mi faceva fare un giorno di vacanza (patrono del paese)! Anche quest’anno andrò alla tradizionale sfilata col poverello, San Martino che taglia il mantello e i cavalli. Aspettavo un anno per vedere quei cavalli. Che bello… :)

  9. S.Martino è anche il patrono di Belluno…E anche a Venezia i bimbi girano a raccogliere dolcetti, vestiti col mantello e battendo con un mestolo su pentole e coperchi: li ho visti proprio ieri, sono entrati in massa nel bar in cui festeggiavamo la laurea di un’amica. E sempre a Venezia, per l’occasione, vendono dei squisiti dolci a forma del Santo, una sorta di biscottoni ricoperti di cacao, glassa, cioccolatini, confetti, ecc. Una bontà!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes