ComidaDeMama

October 20th, 2004 by Elena

Tom Waits – Real Gone

Ho cominciato ad ascoltare Tom Waits con le meraviglie sonore di Rain Dogs e da l

Comments

16 Responses to “Tom Waits – Real Gone”
  1. Una pausa pranzo alla Fnac con le cuffie in testa non è indicativa per dare un giudizio sull’ultimo lavoro di mr. Waits. Certo che essere in giacca e cravatta non aiuta ad entrare nello spirito “underground” del nostro. Vado a leggere Sergio perchè mi sa che sono fermo a Blue Valentine ;)

  2. Silvio: ahahahhahahha posso capire, ma sotto il fresco di lana batte un cuore underground!
    La produzione post Blue Valentine è ragguardevole.

  3. Per me l’icona di tom waits è quel video in cui *canta* con la sola luce di una lampada da elettricista. Minimalista e geniale. (Fresco di lana forever!)

  4. Io sono affluito nel mondo oceanografico di Tommino con Swordfishecc… Bob Rodiatoce lo ascoltava già prima di me, ricordo che mi fece un nastrino con Blue Valentine e nel foglietto aveva scritto in fondo “tienilo d’occhio, e’ uno buono”. Bob ha 6 mesi più di me, avrà sempre 6 mesi più di me.
    L’innamoramento successivo per Tommaso Aspetti, collettivo e bandarolo, non si sente nella musica (!?) di LMT. Tranne che in quella citazione notturno-nebbiosa che ho messo in Spazzate&Sassatelli. ;)

  5. very OT:
    Elena mi mandi il tuo indirizzo che ho un pacchetto per te…:-D
    Bacio

  6. Altro OT:
    Elena,il tuo indirizzo email yahoo é quello buono, oppure anche tu sei su gmail come il tuo consorte?

  7. Emanuele, Elena usa solo piu’ l’indirizzo su Gmail, e la parte prima di @ e’ elena.chesta

  8. ho iniziato ad ascoltarlo da qualche giorno ed ho scoperto canzoni ipnotiche e oniriche. come sempre. :-) baci autunnali.

  9. ah, mi manderesti un campioncino dell’odore di uno dei tuoi dolci da sbattersi per terra o quello dello shampoo che usa marta? :-)

  10. grazie my wise, mi fai anche da segretario
    manu ricambio gli abbracci autunnali e provo a capire ciò che vuoi

  11. scusa, elena! :-P leggi il mio ultimo post! baci.

  12. Io ho consumato il CD, nel senso fisico proprio: il ripetuto ascolto ne ha comportato la scomparsa.

  13. arrivato tutto. Grazie. Segue mail.Intanto, baci.

  14. Ho una cassetta di Tom Waits in macchina; giusto stamattina l’ascoltavo. Risale al 1989, e me la regalò Sergio, all’epoca laureando in geologia ma aspirante bidello di istituto magistrale – per via delle ragazze: Sergio vantava di soffrire di priapismo. Ha 15 anni quella cassetta. Mi dico sempre che dovrò decidermi, prima o poi, a comprare qualche CD di TW, ma mi chiedo sempre se i CD saranno in grado di evocare certi odori del passato. Ogni tanto canticchio un refrain che fa: “It’s time to love”. Sergio, oggi, fa il professore di scienze naturali. E’ ingrassato, o almeno cos

  15. Ricordo una canzone di di T.W., in cui si descrive un uomo che compra una Bud, riempe una latta di benzina e s’incammina verso casa per bruciarla, moglie inclusa.
    Magari tu ne ricordi il titolo.

  16. skunk: la canzone si chiama Frank’s wild year ed è una delle mie preferite. Finisce con la mitica frase “Never could stand that dog”.
    mauro: Il primissimo CD lo ebbi in prestito da un mio compagno di scuola delle medie che mi disse: “Sembra louis Amstrong, ma è un bianco che canta” ed era Swordfishtrombones.
    La prima cassetta invece mi arrivò da un bel tomo dell’università che, dopo avermi vista in un incontro/intervista con Barney Kessel in sala disegno, aveva deciso che ero degna della sua considerazione. “Rain dogs”, bellissimo. Anche i gigolii della cassetta. Il bel tomo non soffriva di priaprismo anche se faceva lo splendido con le ragazze. Buon per lui. :O)
    Al3sim: come ti capisco, anche noi qui abbiamo i CD consumati… da marta però ehehehhe
    R:ob è vero che negli LMT non si sente, am io sento un sacco di altre sonorità degli anni 80 che mi piacciono molto. Peccato che Marta mi obblighi a sentire solo “ltri nani” di cui canta già molte canzoni, cos

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes