ComidaDeMama

August 16th, 2004 by Elena

Broek in Waterland, festa di Meike

Tutto bene, è andato tutto bene. E ringrazio Vesnuccia per il supporto morale dall’Italia!
La festa di famiglia della mia amica Meike è stata un successone, tre giorni di feste, biciclettate fuori porta, gite nel Waterland in auto, tavolate allegre, questa stravagante amica italiana vestita di scuro che il sabato ha preparato una cena italiana seguita da una lezione a sorpresa di salsa. Erano tutti molto contenti.
Marco, i miei due cugini in visita, Luisa e Cristiano mi hanno supportato molto e li ringrazio.
Mentre io preparavo la cena nella cucina le due organizzatrici del week end in famiglia hanno allestito una lunga tavolata per 35 persone (5 erano bambini) addobbandola con del raso tricolore, in onore alla cucina italiana. Anche il loro piccolo papillon era tricolore.
Ho sudato un po’ nel tenere a bada il tempo nel servire il tutto, abbiamo iniziato alle 18.30 e per le 21.00 tutto doveva essere finito, non è da poco, anche perchè molti piatti li ho composti uno a uno, li trovo molto più eleganti che il piattone da far girare. Il piattone, al limite, lo si fa girare per il bis.
Al solito la cucina era sempre piena di persone che venivano a curiosare e a bere un sorso di vino con me, piluccando quello che stavo cucinando e chiacchierando. Questo è un buon segno, sembra quasi di cucinare per degli amici.
Quando ho guarnito il dessert con cioccolato fuso mescolato a panna liquida e decorato con lamelle di mandorle c’erano i cori di “uhh e ahhh e qualcuno ha voluto provare il piacere di far colare cioccolato sulle pesche. Lo so, è un vero piacere farlo, sembra di tornare bambini piccoli.
Mi hanno impedito di lavare i piatti, ho a malapena potuto riassetatre il mio piano di lavoro e mi hanno trascinato a ballare salsa nella stanza accanto, con le luci smorzate e tante candele accese, bellissimo.
Quando sono andata via, non mi reggevo in piedi, ero molto stanca e Marco mi è venuto a prendere, mi hanno salutato tutti a ritmo di salsa battendo le mani e mi è venuto spontaneo fare un inchino come se avessi finito una performance teatrale. In effetti la presentazione del menu in olandese è stata una performance teatrale a tutti gli effetti, sono cos

Comments

8 Responses to “Broek in Waterland, festa di Meike”
  1. Ma se lo leggesse l’Ambasciatore italiano in Olanda, questo post, dovrebbe venire ad abbracciarti e ad appuntarti sul petto la medaglia d’onore. Ché fai più tu da sola per il buon nome dell’Italia, che tutto il Ministero degli Esteri ;). Adesso ti riposi un po’?

  2. e ti pare poco… marta sta crescendo a vista d’occhio (foto) e secondo me tra breve le dovrai procurare una piccola rubrica dove anotera le prenotazioni dei balli tipo sissi, imperatrice d’austria! :-)
    ben fatto, sono contenta che tutto sia andato per il meglio!!!

  3. Complimenti! Visto il tuo impegno ( che si leggeva tra l righe del blog ) eravamo certi che sarebbe andata cos

  4. Brava!!!!! :)

  5. Ciao Elena, non vedo l’ora di tornare! bacio

  6. Meike…
    quella che conosco io invece è in Venezuela, per la sua inconfutabile capacità di decidere le vacanze in posti che al momento giusto diventeranno caldi…
    ma Meike è un nome tedesco oppure cosa?
    e anche la “tua” Meike sostiene che il suo nome deriva dal nome Maria? è vero?
    ciao! :O)

  7. CI CREDO CHE TI HANNO BATTUTO LE MANI, CHISSA’ CHE PRELIBATEZZE GLI HAI FATTO ASSAGGIARE….

  8. a me invece è venuto in mente “come l’acqua per il cioccolato”…quel film bellissimo dove lei cucinava e trasmetteva tutte le sensazioni che lei provava..il successo è stato garantito dall’entusiasmo che ci hai messo.
    a me è capitato il mese scorso di preparare dei vasetti di pesto alla genovese con il basilico buono dell’orto, ci siamo sbudellati dal ridere perchè al posto dell’olio, nei primi vasetti, ci siamo sbagliate e abbiamo messo un liquore fatto in casa a base di cannabis (stessa bottiglia dell’olio, stesso colore…ma decisamente contenuto diverso) risultato: abbiamo buttato tre vasi di pesto e gni volta che mangiamo pasta al pesto, con quello vero, si ride come sceme!!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes