ComidaDeMama

March 31st, 2004 by Elena

Tzatziki II

Riposto cercando di essere più precisa la ricetta dello tzatziki,
ché munzia ha avuto qualche problema.
Io sono dell’avviso che nessuno è un pessimo cuoco e, a volte, chi trasmette le ricette, non è molto preciso. Io non sono molto precisa anche perchè cucino a sentimento il più delle volte. Quindi riscrivo cercando di correggermi.
Ingredienti per quattro persone:
Un bel cetriolo lungo e stretto, o due cetrioli
tre spicchi di aglio, possibilmente giovane
sale, pepe e olio
due vaschette da 125 gr di yogurt greco Total
Lo yogurt deve essere sodo, assolutamente non liquido.
In mancanza dello yogurt giusto non si può cucinare questa delizia greca,
qui in Olanda abbiamo una cosa tremenda che si chiama kwark,
una sorta di ricotta andata a male. Il Franse Kwark va bene perchè è più cremoso rispetto agli altri.
Grattugiare non troppo finemente il cetriolo, cospargetelo di sale e riponetelo in uno scola pasta per 20 minuti.
Strizzate bene il cetriolo per togliere tutta l’acqua, altrimenti, alla fine della serata avrete uno tzatziki liquido non molto invitante.
Tritate finissimamente l’aglio e aggiungetelo allo yogurt e al cetriolo,
mescolate bene con una forchetta e poi insaporite a vostro gusto con olio, sale e pepe.
Servitelo con i crostini di pane, con le verdure grigliare, con il pesce al forno o alla brace.
Per conto mio lo mangerei anche con il caffelatte.

Comments

7 Responses to “Tzatziki II”
  1. io ci metto qualche seme di cumino — lo so e’ una contaminazione indogreca che non si spiega bene, ma il risultato e’ freschissimo — e il satziki per me e’ rigorosamente estivo — servito quasi a temperatura granita.

  2. CARA COMIDA LO TZAZIKI MI Dà L’OCCASIONE DI INTERVENERE E DI FARTI COMPLIMENTAZZI
    PER IL BLOG VERAMENTE SIUPER E CHE CONSIGLIO A TUTTI..LOV.
    TORNANDO ALLO TZAZIKI ANCHE IO LO AMO MOLTO
    E LO CONOSCO BENE E AGGIUNGO QUALCHE NOTIZIA ARAUND..
    IO NON SBUCCIO TOTALMENTE I CETRIOLI MA LASCIO UNA PARTE DI VERDE, NON TANTO DICIAMO UN 1/3.
    AGGIUNGO ALLA FINE QUALCHE GOCCIA DI ACETO
    CHE MI CONSENTE DI RIDURRE L’AGLIO, E SE NON TROVO IL SUPER-CREMOSO YOGURT GRECO IMMERGO UN
    TOZZO DI PARE SECCO LA SERA PRIMA, NELLO YOGURT CHE MI SERVE -ESTRAENDOLO CON PAZIENZA DOPO CHE SI E’ “BEVUTA” TUTTA L’ACQUA-
    MI SONO CONCESSA 2 ANNI-FANTASTICI- A PAXOS
    NELLO IONIO E LA RICETTA QUINDI E’ ATTENDIBILE.
    LOV NISHANGA

  3. nishanga says

    ooops..sono sempre nishanga e a proposito dell’esattezza ho dimenticato un dettaglio fondamentale.. e cioè di strizzare la polpa del cetriolo notoriamente piena di ..succo
    ari..lov
    nishanga

  4. Ne ho sentite tante e ne ho lette tante, sfogliando i libri di cucina e nei miei sette mesi da aiuto-cuoco, ma quella di cucinare “a sentimento” mi mancava… ed è verissima!

  5. @angelo: buono!
    @nishanga: benvenutissima! ci provo, beata te, la mia zia greca ha una casa a Syros nelle Cicladi bellissima, mi sono bastati 15 gg di vacanza per innamorarmene follemente. Nond ella zia, di Syros!!!!
    @Silvio:io cucino sempre a sentimento, cos

  6. geia sou! (si legge “‘iassu” e significa Ciao) che bello, tra 9 giorni me ne papperò in quantità industriale a partire dalla traversata in nave!! :D
    @comida e tutti gli altri bongustai: qui http://www.eatgreektonight.com/index.html troverete delle gustosissime ricette di piatti tipicamente ellenici!!
    kal

  7. Waw… sono io che ho provocato tutto questo? comunque grazie mille…. i prossimi giorni, complici le ferie, ci riprovo…
    @comida… se farà bel tempo andrò a Boves 3/4 giorni la settimana prossima… ancora non ho avvertito i miei zii… sbirciando ho visto che sei di savigliano… quando ci passerò col treno ti penserò… promesso

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes