ComidaDeMama

March 20th, 2004 by Elena

DEVIAZIONI STANDARD

Qui in casa sembra di essere in piscina comunale. Vapori di cloro faranno uscire il topino con asciugamano in spalla e ciabattine.
Breve pausa, Marta in braccio, leggendo cosa offre la stupenda casa editrice Instar Libri.
Scopro che l’autore di “Baburu”, che mi era molto piaciuto, ha pubblicato un’altro libro.

Karl Taro GREENFELD
DEVIAZIONI STANDARD
Su e giù per la nuova Asia


Karl Taro GREENFELD
Traduzione di Elena Dal Pra
Pagine 278 – euro 16,50
Collana: Le antenne 4
ISBN 88-461-0053-0
“Dopo Baburu, un viaggio caleidoscopico nelle subculture del nuovo Giappone, Greenfeld ci guida ancora una volta in Asia lungo una nuova via della seta, il “Circuito”, su cui viaggiano ogni anno centomila ragazzi occidentali tra i diciotto e i trentacinque anni, in un triangolo compreso fra Tokyo, Goa e Bangkok. Con la sua scrittura, a metà tra il mémoir e il reportage, il dissacrante scrittore nippoamericano ci fa conoscere una gioventù bruciata, griffata, terrorizzata dalla medietà e intossicata dalla fame di nuove esperienze, zigzagando fra transessuali thailandesi e speculatori internazionali nel boom indonesiano, ashram che si rivelano paradisi del sesso in India, insegnanti d

Comments

4 Responses to “DEVIAZIONI STANDARD”
  1. ricambio la visita. che bella casa! un saluto improvvido dalla massaia che non sa fare il te (quando ripassi da me, ti offro volentieri un caffè..)

  2. @Massaia di avesa: verrò, con molto piacere!

  3. Comida: posso invaderti con un O.T. smisurato?
    Ho bisogno di una consulenza; so che da te passano un sacco di neomamme e mi permetto di lanciare la richiesta.
    Se ritieni che non sia il caso, cancellami pure senza problemi.
    Dunque: tre giorni fa, nel più grande ospedale di Parigi, è nato il bimbo di una persona che mi è estremamente cara.
    E’ nato a termine, pesa 3,5 kg e il parto è stato con l’epidurale.
    Il bambino non sembra stare bene.
    Non piange, non si muove e non riesce a mangiare da solo. Viene alimentato artificialmente.
    Dagli esami medici non è risultata nessuna anomalia: i medici lo hanno definito semplicemente “stanco”.
    Ovviamente, non è quel che si possa definire una spiegazione tranquillizzante: quando mai si è visto un neonato di tre giorni “stanco”, e al punto da dover essere alimentato con la flebo?
    Il fatto che questa storia si stia svolgendo a Parigi complica le cose. La persona con cui sono in contatto (la mia più cara amica) è in un albergo, preoccupatissima e senza sapere che pesci prendere.
    I medici sembrano abbastanza sbrigativi e poco coinvolti.
    Escludono che questa situazione possa essere, chessò, un postumo dell’epidurale, ma al momento non propongono spiegazioni in grado di tranquillizzare nessuno.
    La mia amica mi ha chiesto di cercare su internet questo tipo di sintomi, in modo da capirne di più, ma non sono riuscita a trovare nulla.
    Stasera la sentirò di nuovo e vorrei avere qualcosa di sensato da dirle.
    C’è qualcuno, qui, che abbia mai sentito di qualche neonato con sintomi simili?
    E’ possibile che sia una semplice reazione all’epidurale, un po’ troppo sbrigativamente esclusa dai medici?
    C’è forse, a Parigi, qualche ospedale specializzato in patologie neonatali da cui correre immediatamente?
    Questo fantomatico “più grande ospedale di Parigi” è un posto di cui fidarsi o è un ricettacolo di criminali?
    Insomma, se qualcuno avesse qualche informazione utile, la mia email è lia@ilcircolo.net.
    Il villaggio globale sarà pure una bella cosa, ma quando ci sono problemi ed una è al Cairo, l’altra è a Parigi e l’altra ancora corre a Parigi tenendosi in contatto col Cairo, si rischia di non capire più un cavolo e di prendere decisioni confuse e poco consapevoli in momenti in cui proprio non si dovrebbe.
    (Comida, ripeto ciò che ho scritto all’inizio. Ciao, e scusami un sacco.)

  4. @Lia: non dire sciocchezze, ti conosco poco, ma abbastanza percapire che non stai scherzando.
    Posto la cosa per bene, a parte.
    Non ne so nulla, ma magari qualcuno ha già sentito parlare di un fenomeno simile.
    Spero che il tutto si risolva per il meglio.

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes