ComidaDeMama

February 27th, 2004 by Elena

Chapati

Il chapati è un pane molto povero, fatto di acqua e di farina integrale di frumento macinata finissima –in India ha, ovviamente, molti nomi: Atta o Hatta–. Si può consumare solo o accompagnato alle pietanze.
ingredienti per quattro persone:
250 gr di farina di frumento
1.2-1.5 dl di acqua tiepida
un pizzico di sale
In una ciotola capiente unire la farina all’acqua tiepida, mescolando con una forchetta fino ad ottenere un impasto compatto. Versare il tutto su una spianatoia o su un tavolo leggermente infarinato e iniziare a impastare energicamente per almeno 10 minuti, in modo da ottenere una palla di pasta elastica.
Coprire con un asciugamano umido e lasciare riposare per un’ora in un luogo tiepido.
Dividere l’impasto in dodici parti uguali e formare con ciascuna di esse una pallina tonda.
Con un mattarello stendete sul tavolo infarinato ogni pallina fino a farla diventare un disco di una decina di cm di diametro.
Scaldate una pentola di ferro, di ghisa o antiaderente senza mettere nessun tipo di olio o burro. Quando sarà calda a sufficienza ponete uno o due per volta i dischi di pasta, avendo cura di rimuovere l’eccesso di farina presente sulle due facciate.
Preparate di fianco a voi una ciotola rivestita con un asciugamano pulito in cui riporrete al caldo i chapati cotti.
I dischi non dovranno mai essere sovrapposti, cuoceranno molto in fretta e devono ricevere uniformemente calore.
Dopo pochi secondi i pani inizieranno a gonfiarsi e ad annerirsi leggermente, con una forchetta di legno girate velocemente i pani, aspettate pochi secondi e poneteli nella ciotola coprendoli con i lembi dell’asciugamano.
Ripetete l’operazione con il resto dei dischi di pasta avendo cura, ogni tanto, di rimuovere con della carta da cucina legegrmente inumidita le briciole di farina annerite nella pentola.
Per rendere questo pane più ricco si può mettere, una volta cotto, un pezzetto di ghee, ossia burro chiarificato a cui sono stati rimosse acqua e impurità. In mancanza di questo ingrediente, che è disponibile in molti negozi di alimentari asiatici presenti nelle maggiori città, si può utilizzare il burro.

Comments

4 Responses to “Chapati”
  1. Buonanotte! Io invece complice la loro stanchezza che le ha fatte crollare prima del solito, senza marito sono finalmente riuscita a scrivere qualcosa! bacio curativo

  2. brava, dormi che ti fa bene… mi raccomando!

  3. Io nell’impasto del chapati metto anche un po’ di formaggio fresco (possibilmente di pecora) — ma non so se e’ un’eresia.

  4. mah la ricetta tradizionale non lo prevede, ma se non ti si appiccica la pentola perchè no?
    naan al formaggio andrebbe a pennello, posto al riceta

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes