23.02.05

Prossima fermata: Trento.

Il dado e' tratto, la cosa e' stata detta a chi di dovere, per cui la si puo' dire anche qui.
Nella seconda meta' dell'anno (Settembre-Ottobre ?) la famiglia tutta si trasferira' in quel di Trento. La decisione e' stata difficile, perche' ormai ad Amsterdam abbiamo trovato un nostro ritmo e rimanerci presentava piu' di un' attrattiva, ma nel complesso pensiamo sia meglio alzare le tende e spostarci altrove.
Andare a Trento vuol dire sapere dove sara' la nostra casa per almeno i prossimi cinque anni ed avere allo stesso tempo la liberta' di scegliere noi il dove ed il quando di un eventuale prossimo movimento, casomai lo desiderassimo, invece di essere costretti a spostarsi da un contratto che scade o cose del genere. C'e' poi l'interesse di trasferirsi in una parte d'Italia che non conosciamo ma nella quale ci aspettiamo di avere una buona qualita' di vita e di scoprire persone e luoghi interessanti.

Devo dire che ci siamo tolti parecchi dubbi da quando ci siamo messi nell'ottica di decidere un luogo per i prossimi 5-10 anni, poi si vedra', uscendo cosi' dalla paralisi che crea una domanda del tipo 'Dove vuoi vivere per il resto della tua vita ?'.
La decisione di vivere ad Amsterdam e' maturata nel tempo (siamo venuti inizialmente per un anno, alla fine ci rimarremo per piu' di quattro) e si e' rivelata molto positiva per tutti e tre, mo' son curioso di vedere cosa tiriamo fuori dall'esperienza trentina, senza avere fretta che le cose funzionino tutte e subito.

P.S. Questo vuol dire che sono in debito con qualcuno di uno o piu' post dal titolo 'L'adroterapia spiegata al popolo', che spero di mettere insieme in tempo ragionevole. Abbiate fiducia.
Così scrisse Marco il 23.02.05 15:21 | TrackBack

Commenti

In bocca al lupo!

Scritto da: Massimo Morelli il 23.02.05 16:46

finalmente la soluzione dell'enigma!

spero che siate contenti (tutti e tre) e sono sicuro che vi troverete bene (ve lo auguro sinceramente).

è un po' strana questa rete che ti porta a interessarti e a sentirti vicino a persone che non conosci e che mai conoscerai.

ps
mi raccomando di adattarvi in fretta, soprattutto per poter dare utili dritte a chi vorrà venire a godere della neve di quelle parti...

Scritto da: jc il 23.02.05 16:46

'Wise' anche in questa occasione, giustamente. So che queste scelte son mica facili e quindi rispetto molto il travaglio che ci dev'essere stato dietro. Auguro tutto il meglio a tutti e tre. Poi non posso non dirti che sono felice che veniate a stare ad un'ora di macchina da noi. E che se avete bisogno di qualsiasi cosa (che sia legale) potete contare su di noi. Davvero.

Scritto da: Silvio il 23.02.05 17:17

mi sembra un modo saggio di compiere una scelta come questa. sappiate che, essendo a poche centinaia di km, potrete contare anche sul sottoscritto. tranne che come babysitter.

Scritto da: mucho maas il 23.02.05 17:54

Congratulazioni ed in bocca al lupo

Scritto da: Pensieri Oziosi il 23.02.05 18:23

questo dà un nuovo senso alla locuzione 'piano quinquennale'.
in bocca anche da me, e bentornati in italia.

Scritto da: eiochemipensavo il 23.02.05 19:00

congratulazioni ed in bocca al lupo anche da me. L'unico cruccio è che il novero dei blogs esteri di lingua italiana si ridurrà di ben due unità, e del peso delle vostre. Comunque, per le mie latitudini, resterete in un posto molto nordico ed esotico.

Scritto da: milton il 23.02.05 21:24

In bocca al lupo. Magari a Trento riusciremo a conoscerci, visto che ne' ad Amsterdam ne' in Piemonte ce l'abbiamo fatta...

Anche se -- devo confessarlo -- mi riesce difficile pensare che si possa avere voglia di tornare in Italia. Io -- se solo potessimo farlo sul piano professionale -- emigrerei anche domani.

Scritto da: Angelo il 23.02.05 21:48

in bocca al lupo...

certo lasciare amsterdam deve essere dura... trento non la conosco. ma paradossalamente io ci mettevo meno tempo a venire ad amsterdam (e forse meno soldi); ma queste sono considerazioni egoistiche.... sono sicuro hai fatto la cosa giusta (come ci consiglia spike lee).

anyway io tutte le estati vado ad a'dam per un week-end (se passo fischio)

Scritto da: dado il 24.02.05 04:00

ah dimenticavo...
hai messo sul piatto il fatto che:
- è vero potrai vedere rai tre
- ma ti becchi anche tutto il resto!!!

INSOMMA POI NON DIRE ... SE ME LO DICEVI PRIMA! (io ti ho avvisato) :-))))

Scritto da: dado il 24.02.05 04:03

... e allora bentornati! curiosa di sapere quello che farai in quel di Trento ... gli adroni.. il mio primo amore. ciao Tiziana

Scritto da: Tiziana il 24.02.05 10:48

Grazie a tutti voi che siete passati a fare gli auguri: mi hanno fatto davvero piacere, e non lo dico per buona educazione.
Ai perplessi direi che capisco bene le perplessita' e che la scelta di tornare in Italia e' molto aperta, nel senso che non e' guidata dal desiderio di tornarci a tutti i costi e comprende anche la possibilita' che tra qualche anno si decida di ripartire perche' abbiamo deciso che non e' proprio il posto che fa per noi.
Rimanere all'estero per un po' permette di cogliere i problemi del vivere e lavorare in Italia ma secondo me permette anche di non mitizzare l'altrove in quanto altrove.
Ovviamente non sto parlando di Angelo, che conosco troppo poco, ma ho l'impressione che alcuni nostri amici che da anni dicono di voler andare via dall'Italia e non l'hanno mai fatto abbiano accumulato un desiderio di partire davvero grande che pero' ha piu' a che fare con il desiderio di partire in se' che non con un posto reale in cui andare.
Per prenderla con piu' leggerezza, potremmo dire che per quattro anni abbiamo visto olandesi basiti che ci chiedevano 'Ma come diavolo uno nato in Italia dovrebbe aver voglia di vivere in Olanda ?' e ora per un po' avremo italiani basiti che ci chiederanno 'Voi abitavate ad Amsterdam e siete venuti a Trento ? Siete pazzi ?"
Forse si', forse no.
Vedremo.
Dado, quando vieni su facci un fischio.

Scritto da: marco il 24.02.05 10:58

marco, il tuo commento mi fa venire in mente il detto "l'erba del vicino è sempre più verde".
siamo sempre incuriositi e tentati da ciò che non abbiamo/siamo e minimizziamo ciò che abbiamo/siamo...

Scritto da: jc il 24.02.05 11:23

In bocca al lupo per il trasferimento. Sul vivere all'estero concordo con quello che dici, (e poi, in fondo, chi vuol partire davvero parte, non lo dice e basta). L'Italia non e` il Darfour, grazie a Dio, e ci si puo` vivere bene o male come in qualsiasi altro paese sviluppato. Ma, jc, bisogna aver chiare le proprie priorita`, perche` a seconda delle priorita` si puo` star molto meglio altrove.

Scritto da: Marco il 24.02.05 14:35

io dico che tra natale e una settimana fa ho parlato molto di temi simili coi miei amici, italiani e no, emigrati (prevalentemente in germania) e con quanti invece hanno fatto ritorno in italia. la mia sensazione e` che dopo un paio d'anni di entusiasmi iniziali (la bellezza del partire senza chiedersi dove si vuole arrivare, appunto) molti dei miei interlocutori riflettevano sulla loro scelta. alcuni rimpiangevano di averla fatta, altri ne erano ancora convinti, la maggior parte credeva che la rimettera` in discussione nei prossimi anni. ecco, secondo me stare lontano dall'italia da` - anche in queste questioni - un invidiabile approccio pragmatico.

Scritto da: delio il 24.02.05 16:18

Un pezzetto di me vi invidia per il ritorno, anche se, a essere onesti, io adesso non tornerei se non per cause di forza maggiore. In bocca al lupo.

Scritto da: Zio il 24.02.05 16:42

Beati voi che una decisione l'avete presa...
Io invece in questi giorni sono in mezzo al guado, e poco tempo per decidere...
- Contratto in scadenza a maggio: non mi preoccupa, lo sapevo, se si rinnova bene, se no amen;
- Due offerte per impieghi fissi, entrambe ditte note, ma in UK;
- Possibilità pressoché inesistenti di trovare impieghi simili in Olanda, sia per il tipo di lavoro, sia per il livello di salario, visto che molte delle aziende hi-tech che avevano messo filiali negli anni scorsi se ne sono andate, ed i salari sono di conseguenza calati di un buon 20%;
- Moglie e figli che, ovviamente, a parlare di trasferirsi dall'Olanda diventano isterici...

Se non altro, mi evito il dilemma su "se mai tornerò in Italia": provato due anni fa, e la famiglia non ha resistito più di un mese (senza contare la ovvia mancanza di lavoro per me), per fortuna che la casa olandese era ancora nostra e sostanzialmente integra! Certo, la Bassa Bresciana non è Trento...

Scritto da: epimenide il 24.02.05 16:56

Benvenuto in terra trentina (io non sono trentino, sono anch'io un immigrato qui ;-)

Per qualunque informazione, non esitare a chiedere.

Scritto da: paolo il 24.02.05 19:09

Alla fine la decisione e' stata presa!
In bocca al lupo! e ricorda che l'offerta di aiuto rimane sempre valida.
Comunque almeno voi per un po' saprete dove sarete: io sono a posto fino a dicembre, poi devo decidere letteralmente cosa fare della mia via... e non e' una cosa facile..

Ema

Scritto da: Emanuel il 25.02.05 07:15

ma che bello!
benvenuti.

Scritto da: Giorgio il 25.02.05 16:01

Tiziana, nel week end se riesco ti scrivo due righe con calma.
Marco, grazie per essere passato.
Giorgio e Paolo, la prossima volta che vengo a Trento se avete voglia possiamo provare ad incrociarci.
Epimenide, auguri :-)

Scritto da: marco il 25.02.05 18:38

WOW che decisione impegnativa. anche io come gli altri paludo alla scelta del piano quinquennale. e' un ottimo modo per mitigare il panico da"resto della tua vita" . il che significa che dovro' al piu' presto programmare la scappata li' da voi, con o senza resto del mondo.
vi abbraccio forte, che sicuramente vi siete tolti un peso dallo stomaco mica male.
:)

Scritto da: pm10 il 25.02.05 21:16

marco, ci conto. ciao

Scritto da: Giorgio il 27.02.05 15:50

e' un 5+5?
dannaz, la battuta "voglio un piano quinquennale / la stabilita'" e' stata gia' fatta:)

Scritto da: dr.psycho il 01.03.05 18:29

psycho, se 5+5 si riferisce alla durata del contratto, io in realtà punto a 1+infinito, o qualcosa del genere ;-)
per quanto riguarda i CCCP, anche io ho cercato una battutta alternativa sul piano quinquennale ma non l'ho ancora trovata.

Scritto da: marco il 01.03.05 22:51
Di' la tua









Per cercare di creare qualche ostacolo agli spammers, l'invio di commenti non può essere eseguito senza prima fare il 'preview' del commento e approvarlo. Scusa la seccatura.
Se il commento appena inviato non appare, prima di mandarlo di nuovo assicurati che il processo di invio sia terminato ed eventualmente ricarica la pagina premendo il tasto 'reload' sul browser.

Remember personal info?