S Bencivelli, Sospettosi – Noi e i nostri dubbi sulla scienza.

Mi occupo di fisica in medicina da una ventina d’anni e non di rado sento colleghi medici e amici dirmi “Sei troppo razionale“. Questo probabilmente non mi rende il destinatario ideale del bel libro di Silvia BencivelliCiò detto, a leggerlo mi sono venute in mente alcune considerazioni che condivido qui.

Il pregio migliore del libro è il tono: leggero senza essere superficiale, comprensivo delle imperfezioni e incoerenze nei comportamenti di tutti senza cadere nel qualunquismo del “eh ma allora è tutto uguale“. Come vediamo tutti i giorni, l’equilibrio tra il sincero interesse per le vicende personali altrui e la capacità di mantenere il punto sui dati di fatto non è per nulla scontato, è trasmesso con una scrittura molto piacevole e vale da sé la lettura del libro.

Il lettore bene informato troverà probabilmente poco di nuovo o di sorprendente: Bencivelli discute con amici, conoscenti e scienziati di vaccini, medicine complementari/alternative, regimi alimentari, oncologia, gravidanza e maternità, ambiti sui quali non ci sono novità significative dell’ultima ora. Vedere però questi aspetti discussi nello stesso libro e con lo stesso approccio ha un valore aggiunto, perché ne esce un quadro complessivo interessante anche (soprattutto?) nella sua incoerenza.

Alcuni degli argomenti discussi si sarebbero prestati a un approfondimento sui modi di procedere del sapere medico che avrebbe aiutato a riconoscere tratti comuni a molte discussioni sulla medicina. Da questo punto di vista, il libro secondo me perde qualche buona occasione.
Per esempio, la discussione sui benefici di alcune scelte alimentari è difficile (nella realtà, non nel libro) per un problema di fondo che vale la pena esplicitare: gli studi sull’impatto dei regimi alimentari, e ancor più quelli che riguardano specifici alimenti o principi nutritivi, hanno spesso caratteristiche (e limiti) forse non noti ai più che impediscono di trarre conclusioni forti.

Il riassunto onesto di più di uno studio in campo alimentare (ma non solo) è che:

  • Già come ipotesi di partenza, il fattore analizzato ha un impatto non nullo ma limitato sulla salute della popolazione;
  • Mentre in laboratorio può essere facile ottenere dati non ambigui, isolarne l’effetto nel mondo reale è difficile e ottenere un risultato con una piccola incertezza statistica richiederebbe seguire una popolazione 1)enorme, 2)per lunghi periodi di tempo e 3)mantenendo controllate tra i gruppi tutte le variabili che possono influenzare i risultati tranne quella investigata, per esempio la dieta. Fare già una di queste cose è difficile, figurarsi tutte e tre insieme.
  • Di conseguenza, a volte l’unica vera conclusione è la conferma che il fattore in questione ha un’influenza né nulla né clamorosa. Sembra la montagna che partorisce il topolino, e in parte lo è, ma intanto si è arrivati a una conclusione, cosa non scontata.

(Corollario: quando poi, mesi o anni dopo, esce uno studio che pare dire il contrario, causando stupore e poca fiducia nella scienza, è possibile che, a leggere bene, la differenza sia che l’effetto stimato è un po’ più grande o un po’ più piccolo rispetto allo studio precedente, ma che lo scarto sia modesto e che quindi i nuovi risultati non contraddicano alcunché.)

Quando si ha chiara la difficoltà ad eseguire studi di questo tipo, diventa più facile reagire con equilibrio all’ultimo lancio d’agenzia che, per esigenze convergenti di giornalisti e scienziati, sintetizzando e semplificando afferma che mangiare più carote faccia bene (oppure, e qui vado a cercarmi qualche grana, che i telefoni cellulari causino danni alla salute).

Viviamo invece il paradosso per cui da una parte non ci si fida di risultati solidi della medicina su aspetti di base (p.es. quelli per cui i vaccini fanno quel che dicono di fare e la cura Di Bella no) e dall’altra, magari inconsapevolmente, si sopravvaluta la capacità della stessa medicina di quantificare l’impatto di scelte che hanno effetti molto più deboli e incerti. Si arriva così a situazioni per cui gli stessi genitori che non vaccinano i figli “perché chissà se ce n’è davvero bisogno” magari gli propinano mattino e sera frutti rossi “perché son ricchi di antiossidanti che, si sa, fanno molto bene“.

Queste cose Bencivelli non le mette nero su bianco, forse per non inimicarsi irrimediabilmente tutti i sospettosi, ma il suo libro permette a tutti di fare due più due e rendersi conto di incongruenze parecchio diffuse.

Chi saranno alla fine i lettori di questo libro?
Se saranno persone su posizioni simili a quelle dell’autrice, troveranno un bell’esempio di come affrontare le discussioni con chi non la pensa come noi. Se però il libro facesse breccia solo tra questi lettori mancherebbe in parte il bersaglio.
Sarebbe invece molto interessante avesse successo tra i “sospettosi” indicati dal titolo, anche per vedere quanto l’essere trattati da persone pensanti invece che da stupidi aiuterà a riconsiderare le proprie scelte e magari ad accettare l’idea che, rispetto a certi argomenti, non ci sia molto da discutere su cosa funzioni e cosa no.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>